Thursday, December 1, 2022
HomeItalian NewsEnergia, ultima chiamata per l'Europa per trovare un accordo sulla crisi –...

Energia, ultima chiamata per l’Europa per trovare un accordo sulla crisi – Il Tempo



Dal vertice di Praga period più facile uscire senza un accordo vero sulle soluzioni europee alla crisi energetica. Period un Consiglio informale, interlocutorio, che non richiede conclusioni obbligatorie. E quindi è stato declassato a una tappa intermedia. Ma al Consiglio europeo formale del 20-21 ottobre non ci saranno più scuse. I Ventisette dovranno uscire con un piano d’azione, concreto e dettagliato, per dare risposte instant ai cittadini. Questo è l’impegno sia degli Stati che della Commissione guidata da Ursula von der Leyen. Ma per arrivarci c’è ancora della strada da fare, ci sono various posizioni che devono convergere e tanti angoli da smussare. 

 

 

La presidenza ceca dell’Ue si è presa «l’impegno a convocare tutti i Consigli Energia necessari» per mettere a punto una strategia che possa contare su un ampio sostegno quando sarà il momento di deliberare. La prima riunione informale dei ministri dell’Energia si terrà già martedì e mercoledì prossimi (sempre a Praga) ma in realtà gli incontri tra sherpa, ministri, tecnici e ambasciatori sono quotidiani. La roadmap a cui lavora la Commissione europea, sintetizzata nell’ormai famosa lettera della presidente von der Leyen ai chief Ue si basa su quattro elementi: negoziare con i fornitori affidabili prezzi migliori; tagliare i picchi di prezzo nel mercato del fuel naturale, limitare l’influenza del costo del fuel sul prezzo dell’elettricità e l’acquisto congiunto per riempire gli stoccaggi. A questi si può sommare un maggiore impegno finanziario per sostenere gli Stati nei loro investimenti per la transizione energetica. Tutto il piano si basa sul precario equilibrio tra il taglio dei prezzi (è l’intento dei promotori del worth cap) e la sicurezza degli approvvigionamenti (l’ossessione dei contrari al tetto ai prezzi). 

 

 

Sull’impostazione generale sono tutti d’accordo. O comunque, anche i più strenui difensori della sacralità delle leggi del mercato si sono arresi alla necessità di dover intervenire dato il rischio di recessione che corre l’Ue incagliata ora in un’economia di guerra. Il braccio di ferro è sui dettagli, tra cui quello sul worth cap: non è escluso che un punto di incontro tra i vari fronti possa essere quello di utilizzare il worth cap dinamico nella contrattazione con i associate affidabili durante i processi di acquisti comuni. 



RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments